Regolamento gruppo Facebook

Le nostre normative sono basate ponendo attenzione ai seguenti principi:

Violenza e comportamenti criminali

Violenza e istigazione alla violenza

 

    Ecco i contenuti da non pubblicare:

  1. Minacce che potrebbero portare alla morte (o altri tipi di violenza di particolare gravità) verso chiunque; ecco cosa si intende con minaccia:
  2. Dichiarazioni che esprimono l'intenzione di commettere un atto di violenza di particolare gravità;
  3. Invito a commettere atti di particolare gravità, compresi contenuti in cui non è specificato il bersaglio ma viene usato un simbolo per rappresentarlo e/o contenuti che includono un'immagine di armi per sottendere un'intenzione violenta;
  4. Dichiarazioni che promuovono atti di particolare violenza;
  5. Dichiarazioni che minacciano o auspicano il compimento di atti di particolare violenza.
  6. Contenuti in cui si richiedono o si offrono servizi per assoldare persone al fine di commettere un omicidio (ad es. sicari, mercenari, assassini) o che sostengono l'uso di sicari, mercenari o assassini contro un bersaglio.
  7. Ammissioni, dichiarazioni che esprimono l'intenzione o il sostegno, inviti o dichiarazioni che minacciano o auspicano il rapimento di un bersaglio.
  8. Minacce che potrebbero comportare lesioni gravi (violenza di media gravità) verso privati, personaggi pubblici minorenni, persone vulnerabili o gruppi vulnerabili, in cui per minaccia si intende:
  9. Dichiarazioni che esprimono l'intenzione di commettere violenza;
  10. Dichiarazioni che promuovono la violenza;
  11. Inviti ad atti di violenza di media gravità, inclusi contenuti in cui non è specificato il bersaglio ma viene usato un simbolo per rappresentarlo;
  12. Dichiarazioni che minacciano o auspicano il compimento di atti violenti;
  13. Contenuti relativi ad altri bersagli oltre a privati, personaggi pubblici minorenni, persone vulnerabili o gruppi vulnerabili e ogni contenuto credibile del seguente tipo:
  14. Dichiarazioni che esprimono l'intenzione di commettere violenza;
  15. Inviti all'uso della violenza
  16. Dichiarazioni che promuovono la violenza;
  17. Dichiarazioni che minacciano o auspicano il compimento di atti violenti.
  18. Minacce che potrebbero comportare lesioni fisiche (o altri tipi violenza di minore gravità) verso privati (autosegnalazione necessaria), personaggi pubblici minorenni, persone vulnerabili o gruppi vulnerabili; ecco cosa si intende con minaccia:
  19. Privati (nome e/o corrispondenza facciale obbligatori) o personaggi pubblici minorenni:
  20. Dichiarazioni di intenzione, inviti, promozione, affermazioni ipotetiche o tramite cui si aspira a commettere violenza di lieve gravità
  21. Immagini di privati o personaggi pubblici minorenni che sono state modificate al fine di includere minacce di violenza tramite testo o contenuti grafici (aggiunta di un bersaglio, una freccia, una pistola alla tempia, ecc.)
  22. Contenuti creati con lo scopo esplicito di rivelare l'appartenenza di una persona a un gruppo a rischio designato e riconoscibile
  23. Istruzioni su come creare e usare armi se sussistono prove che l'obiettivo è fare seriamente del male o uccidere le persone per via di quanto segue:
  24. affermazioni che esprimono in modo esplicito l'obiettivo;
  25. foto o video che mostrano o simulano il risultato finale (lesione grave o morte) all'interno delle istruzioni.
  26. A meno che i contenuti vengano condivisi come parte di un corso di autodifesa, per scopi di addestramento militare, all'interno di videogiochi commerciali o notizie (pubblicate da una Pagina o con il logo dell'organo di informazione)
  27. Istruzioni su come fabbricare o usare esplosivi:
  28. A meno che sia chiaro che i contenuti non hanno scopi violenti (ad es. all'interno di videogiochi commerciali, con un chiaro intento scientifico/educativo, fuochi d'artificio o specificamente pensati per attirare i malintenzionati)
  29. Qualsiasi contenuto riguardante dichiarazioni di intenzione, inviti o promozione di atti di violenza di particolare o media gravità per via di votazione, registrazione per il voto o risultato di un'elezione
  30. Disinformazione che contribuisce a violenza imminente o danno fisico
  31. Inviti, dichiarazioni che descrivono l'intenzione di portare armi in un luogo (compresi, a titolo esemplificativo e non esaustivo, luoghi di culto) o che incoraggiano le persone a compiere tali atti

 

Persone e organizzazioni pericolose

Ecco i contenuti da non pubblicare:

Non consentiamo alle seguenti persone (viventi o decedute) o ai seguenti gruppi di essere presenti (ad es. con un account, una Pagina o un gruppo) sulla nostra piattaforma:

  • Organizzazioni terroriste e terroristi
    Un'organizzazione terrorista è definita come: Qualsiasi organizzazione non governativa coinvolta in atti premeditati di violenza contro cose o persone per intimidire una popolazione civile, un governo o un'organizzazione internazionale per raggiungere uno scopo politico, religioso o ideologico
  • Un membro di un'organizzazione terrorista o qualsiasi persona che commette un atto terrorista è considerato un terrorista. Un atto terrorista è definito come qualsiasi atto di violenza premeditato contro cose e persone commesso da un attore non governativo per intimidire una popolazione civile, un governo o un'organizzazione internazionale per raggiungere uno scopo politico, religioso o ideologico.
  • Organizzazioni che incitano all'odio e i loro leader e membri di spicco
    Un'organizzazione che incita all'odio è definita come: Qualsiasi associazione di almeno tre persone organizzata con un nome, un segno o simbolo e che porta avanti un'ideologia, dichiarazioni o azioni fisiche contro individui in base a caratteristiche come la razza, il credo religioso, la nazionalità, l'etnia, il genere, il sesso, l'orientamento sessuale, malattie gravi o disabilità
  • Assassini di massa o seriali
    • Per omicidio di massa intendiamo un omicidio che causa almeno quattro morti.
    • Un individuo che ha commesso almeno due omicidi in più incidenti o luoghi viene considerato un assassino seriale.
    • Facciamo queste valutazioni in base alle informazioni in nostro possesso e, in generale, applichiamo questa normativa a un assassino di massa o seriale che soddisfa uno dei seguenti criteri:
      • È stato condannato per omicidio di massa o seriale.
      • È stato ucciso dalle forze dell'ordine mentre commetteva l'omicidio di massa o seriale o durante la successiva fuga.
      • Si è ucciso sul luogo del reato o in seguito all'omicidio di massa o seriale.
      • È stato identificato dalle forze dell'ordine grazie alle immagini ottenute sulla scena del reato.
  • Gruppi coinvolti nel traffico di esseri umani e i loro leader
    I gruppi coinvolti nel traffico di esseri umani sono organizzazioni responsabili delle seguenti azioni:
    • Sfruttamento della prostituzione, lavoro forzato, schiavitù o rimozione di organi
    • Ingaggio, trasporto, trasferimento, detenzione, vendita, segregazione o acquisto di un minore o di un adulto contro la sua volontà
  • Organizzazioni criminali e i loro leader e membri di spicco
    Un'organizzazione criminale viene definita come:Qualsiasi associazione di almeno tre persone organizzata con un nome, colori, gesti o segni riconoscibili, coinvolta in o che minaccia attività criminali tra cui, a titolo esemplificativo e non esaustivo
  • Omicidio
  • Traffico di droga
  • Traffico di armi
  • Furto di identità
  • Riciclaggio di denaro
  • Estorsione o traffico illegale
  • Aggressione
  • Rapimento
  • Sfruttamento sessuale
    Non consentiamo la condivisione sulla nostra piattaforma di simboli che rappresentano una delle organizzazioni o degli individui di cui sopra se non ai fini di condanna o discussione.
    Non consentiamo contenuti che elogiano le organizzazioni e gli individui di cui sopra o atti da loro commessi.
    Non consentiamo il coordinamento del supporto a qualsiasi organizzazione o individuo di cui sopra o agli atti da loro commessi.

 

Promozione o pubblicizzazione di attività criminali

 

Ecco i contenuti da non pubblicare:

Contenuti che mostrano, ammettono o promuovono le seguenti azioni criminali commesse dall'utente o da un suo collaboratore

  • Atti di violenza fisica contro le persone
  • Atti di violenza fisica commessa su animali, a eccezione di caccia, pesca, sacrifici religiosi o preparazione/produzione di cibo
  • Caccia di frodo o vendita di specie in via di estinzione o parti di esse
  • Combattimento tra animali
  • Furto
  • Vandalismo o danni alla proprietà
  • Frode
  • Traffico di esseri umani
  • Violenza o sfruttamento sessuale, tra cui aggressioni a sfondo sessuale

 

Gestione degli atti di violenza

 

Ecco i contenuti da non pubblicare:

Dichiarazioni di intenzione, inviti ad agire o supporto nei confronti delle seguenti azioni:

  • Atti di violenza fisica contro le persone
  • Atti di violenza fisica commessa su animali, a eccezione di caccia, pesca, sacrifici religiosi o preparazione/produzione di cibo
  • Combattimento tra animali
  • Furto
  • Vandalismo/danni alla proprietà
  • Swatting (falsi allarmi)
  • Frode, ovvero l'inganno intenzionale riguardante lo sfruttamento di un'altra persona, il guadagno illecito o l'atto di privazione di denaro, proprietà o diritto legale altrui. Gli esempi di frode includono, a titolo esemplificativo ma non esaustivo:
    • Abuso d'ufficio
    • Appropriazione indebita
    • Riciclaggio di denaro (occultamento della provenienza illecita di denaro)
    • Supporto e/o facilitazione dell'uso improprio delle carte per i pagamenti
    • Frode elettorale, ovvero qualsiasi offerta di acquisto o vendita di voti in cambio di denaro o regali
  • Disincentivazione della partecipazione al voto, ovvero:
    • Rappresentazione fuorviante di date, luoghi, orari e metodi per la votazione o la registrazione degli elettori
    • Rappresentazione fuorviante di chi può accedere al voto, dei requisiti per la votazione, del conteggio dei voti e quali informazioni e/o materiali devono essere forniti per poter votare.
    • Altre rappresentazioni fuorvianti relative al voto in un'elezione ufficiale possono essere soggette agli standard riguardanti le notizie false, come indicato nella Sezione 18
  • Matrimoni combinati con rifugiati o sfollati interni
  • Traffico di esseri umani
  • Violenza o sfruttamento sessuale, tra cui aggressioni a sfondo sessuale

Offerte di servizi volti al traffico di persone o supporto agli atti di traffico di persone

Contenuti che raffigurano, promuovono, incitano o incoraggiano la partecipazione a sfide virali altamente rischiose, inclusi contenuti senza didascalia o contenuti che esprimono reazioni neutrali.

 

Beni soggetti a limitazioni legali

 

Ecco i contenuti da non pubblicare:

Contenuti relativi a prodotti non medicinali che

  • coordinano o incoraggiano altri a vendere prodotti non medicinali;
  • raffigurano, ammettono, tentano di vendere o promuovono la vendita di prodotti non medicinali da parte dell'autore del contenuto o di un suo collaboratore;
  • promuovono, incoraggiano, coordinano e forniscono istruzioni sull'uso o sulla preparazione di prodotti non medicinali;
  • ammettono, verbalmente o per iscritto, l'uso personale di prodotti non medicinali, fatta eccezione per la pubblicazione in un contesto di cure.

Contenuti che raffigurano la vendita o il tentativo di acquisto di marijuana e farmaci, tra cui contenuti che:

  • menzionano o raffigurano marijuana o farmaci;
  • provano a vendere o a promuovere lo scambio di un prodotto in uno dei seguenti modi:
  • Dichiarando in modo esplicito che il prodotto è in vendita o disponibile per lo scambio o la consegna
  • Chiedendo al pubblico di acquistare il prodotto
  • Dichiarando il prezzo
  • Incoraggiando i contatti in relazione al prodotto attraverso una richiesta esplicita o l'aggiunta di qualsiasi tipo di informazione di contatto
  • Provando a promuovere la vendita del prodotto, ovvero:
  • dichiarando interesse per l'acquisto del prodotto;
  • chiedendo se qualcuno ha messo il prodotto in vendita o propone uno scambio.
    • Ciò si applica a contenuti singoli e a Pagine e gruppi dedicati principalmente alla vendita di marijuana o farmaci.
  • Contenuti che tentano di offrire, vendere, regalare, scambiare o trasferire armi da fuoco, parti di armi da fuoco, munizioni o esplosivi fra privati, a meno che siano pubblicati da una Pagina che rappresenta un punto vendita reale, un sito web legittimo, un brand o un'agenzia governativa (ad es., dipartimento di polizia o dei vigili del fuoco). Ciò comprende contenuti che:
  • Menzionano o raffigurano armi da fuoco, parti di armi da fuoco, munizioni, esplosivi o file per la stampa di armi 3D di qualsiasi arma da fuoco o relativa parte* e
  • Provano a vendere o a promuovere lo scambio:
    • Dichiarando in modo esplicito che il prodotto è in vendita o disponibile per uno scambio
    • Chiedendo al pubblico di acquistare il prodotto
    • Indicando il prezzo o sottolineando che il prodotto è gratuito
    • Incoraggiando i contatti in relazione al prodotto attraverso:
      • Richiedendo esplicitamente di essere contattati;
      • Aggiungendo qualsiasi tipo di informazione di contatto;
    • Provando a promuovere la vendita dell'articolo, ovvero:
      • dichiarando interesse per l'acquisto del bene;
      • chiedendo se qualcuno è interessato ad acquistare/scambiare il prodotto.
  • Non tutti possono condividere file per la stampa di armi 3D o istruzioni per la relativa costruzione mediante stampanti 3D o fresatrici CNC, compresi link a siti web in cui tali file o istruzioni sono resi disponibili. Una Pagina che rappresenta un punto vendita fisico, un sito web legittimo o un brand può comunque pubblicare contenuti che promuovono questi articoli solo per la vendita al di fuori dei servizi di Facebook, purché tali rivenditori rispettino tutte le leggi e le normative.
  • Contenuti che raffigurano il commercio (acquisto o vendita) di organi umani e/o di sangue, dove per commercio si intende:
    • La menzione o la rappresentazione di organi umani e/o di sangue e
    • L'indicazione che gli organi umani e/o il sangue sono disponibili per l'acquisto o la vendita o
    • L'annuncio del prezzo o la manifestazione della volontà di discutere il prezzo.
  • Contenuti che invitano a prendere contatto per agevolare il commercio di organi umani e/o di sangue
  • Contenuti che tentano di vendere animali vivi tra privati
  • Contenuti che coordinano o supportano la caccia di frodo o la vendita di animali in via di estinzione o di parti di essi
  • Contenuti che tentano di offrire, vendere, regalare, scambiare o trasferire prodotti a base di tabacco o alcol tra soggetti privati. Ciò comprende contenuti che:
  • Menzionano o raffigurano alcol o tabacco e Provano a vendere o a promuovere lo scambio:
    • dichiarano in modo esplicito che il prodotto è in vendita o disponibile per uno scambio;
    • chiedendo al pubblico di acquistare il prodotto;
    • dichiarando il prezzo del prodotto o che il prodotto è gratis;
    • non essendo pubblicati da una Pagina che rappresenta un punto vendita fisico, un sito web legittimo o un brand.

Sicurezza

Suicidio e autolesionismo

 

Ecco i contenuti da non pubblicare:

Contenuti che promuovono, incoraggiano, coordinano o forniscono istruzioni in merito ai seguenti argomenti

  • Suicidio
  • Autolesionismo
  • Disturbi alimentari
  • Contenuti che raffigurano immagini di autolesionismo
  • Salvo che in casi isolati degni di nota, è vietato dalle nostre normative pubblicare contenuti che mostrano una persona che tenta il suicidio o muore suicidandosi.

Contenuti incentrati sulla raffigurazione di costole, clavicole, spazi fra le cosce, fianchi, concavità addominali o spine dorsali o scapole sporgenti se condivisi insieme a termini associati a disturbi alimentari.

Contenuti che riportano istruzioni per una perdita di peso drastica e nociva se condivisi con termini associati a disturbi alimentari.

 

Immagini di nudo e sfruttamento sessuale di minori

 

Ecco i contenuti da non pubblicare:

Contenuti che raffigurano la partecipazione o il sostegno allo sfruttamento sess (inclusi foto, video, arte reale, elementi digitali e testo) raffiguranti

  • Qualsiasi atto sessuale che coinvolge minorenni
  • Minorenni in un contesto fetish sessuale
  • Minorenni con elementi di carattere sessuale, tra cui:
    • Catene
    • Focus sui genitali
    • Presenza di un adulto eccitato
    • Presenza di sex toy
    • Costumi a tema sessuale
    • Rimozione degli indumenti
    • Set (ad es. su un letto) o scatti professionali (qualità, messa a fuoco, angolazioni)
    • Bacio sulla bocca con un minorenne o un adulto

Contenuti (inclusi foto, video, arte reale, contenuti digitali e raffigurazioni verbali) che mostrano minorenni in un contesto sessualizzato

Contenuti raffiguranti nudo di bambini dove il nudo è definito come

  • Genitali visibili (anche se coperti o oscurati da abbigliamento trasparente)
  • Ano visibile e/o fondoschiena completamente nudo
  • Capezzoli femminili scoperti di bambine non più neonate
  • Assenza di abbigliamento dal collo alle ginocchia per bambine non più neonate
  • Raffigurazioni create digitalmente di nudi di minorenni, a meno che l'immagine non venga usata a scopo di salute o educativo

 

Sfruttamento sessuale di adulti

 

Ecco i contenuti da non pubblicare:

Nei casi in cui i contenuti sono costituiti da qualsiasi forma di contatto sessuale non consensuale, violenza, necrofilia o zooerastia, fra cui:

  • Rappresentazioni (compresi foto/video reali)
  • Sostegno (comprese dichiarazioni che minacciano o auspicano tali atti)
  • Dichiarazioni che descrivono tali intenzioni
  • Inviti al compimento di azioni
  • Minaccia, richiesta o dichiarazione della volontà di condividere immagini o
  • Partecipazione personale o di altri a qualsiasi forma di atto sessuale indicato in precedenza.

Contenuti che rappresentano tentativi di sfruttamento di persone in uno dei modi seguenti:

  • Tramite l'estorsione di denaro, favori o immagini minacciando di pubblicare foto/video che ritraggono la persona interessata nuda o seminuda
  • Tramite la condivisione di immagini (attività nota come "Revenge porn") che soddisfano le tre condizioni seguenti:
  • L'immagine non è stata creata a scopo commerciale oppure è stata prodotta in un ambiente privato.
  • La persona nell'immagine è (quasi) nuda, coinvolta in atti sessuali o in una posa sessuale.
  • La mancanza del consenso a condividere l'immagine è confermata da:
  • Contesto vendicativo (ad es. didascalia, commenti o titolo della pagina)
  • Fonti indipendenti (ad es., registri delle forze dell'ordine), compresi media d'intrattenimento (ad es., diffusione di immagini confermata dai media)
  • Una corrispondenza visibile tra la persona ritratta nell'immagine e la persona che ci ha segnalato i contenuti
  • La persona che ci ha segnalato i contenuti ha lo stesso nome della persona ritratta nell'immagine
  • Immagini acquisite di nascosto che raffigurano parti del corpo tipicamente sessuali di una persona reale (ad es., seno, inguine, natiche) o una persona reale coinvolta in attività sessuali Queste immagini sono note come "creepshot" o "upskirt" e comprendono foto o video che contengono:
  • La minaccia o la dichiarazione della volontà di condividere immagini intime senza autorizzazione
  • La richiesta insistente di immagini intime da vedere o condividere senza autorizzazione
  • La minaccia o la dichiarazione della volontà di condividere conversazioni private con contenuti sessuali che rientra nei seguenti criteri:
  • La mancanza del consenso è indicata da:
  • Contesto vendicativo e/o minaccioso
  • Una corrispondenza visibile tra la persona ritratta nell'immagine e la persona che ci ha segnalato i contenuti
  • La persona che ci ha segnalato i contenuti ha lo stesso nome della persona ritratta nell'immagine
  • Il tentativo di coordinamento di servizi sessuali commerciali per adulti o attività di prostituzione, come la richiesta o l'offerta di tariffe per servizi di escort e servizi di feticismo o dominazione sessuale a pagamento.

 

Bullismo e intimidazioni

 

Ecco i contenuti da non pubblicare:

Contattare ripetutamente qualcuno in modo:

  • indesiderato;
  • molesto a livello sessuale;
  • diretto verso un gran numero di persone in assenza di precedente richiesta.

Prendere di mira qualcuno con cattive intenzioni:

  • attaccando la persona in base al suo stato di vittima di molestia, sfruttamento sessuale o abuso domestico;
  • incitando all'autolesionismo o al suicidio una specifica persona o un gruppo di persone;
  • attaccando la persona con termini offensivi relativi ad attività sessuali (es. puttana, troia);
  • pubblicando contenuti su una tragedia grave o sulle vittime di una tragedia grave, includendo affermazioni che negano il verificarsi della tragedia stessa;
  • pubblicando contenuti su vittime o sopravvissuti di tragedie gravi menzionando il loro nome o usando la loro immagine e affermando che:
  • fingono di essere vittime di un evento;
  • vengono pagati o ingaggiati per fuorviare le persone sul loro ruolo nell'evento.
  • Minacciare di rendere noto il numero di telefono, l'indirizzo di domicilio o l'indirizzo e-mail privati di una persona
  • creando o pubblicando contenuti su Pagine o gruppi dedicati all'attacco di singole persone, ad esempio, attraverso:
  • frasi in cui si augura morte, malattie o disabilità gravi.
  • dichiarazioni che esprimono l'intenzione di spingere per intraprendere attività sessuali;
  • rivendicazioni su malattie sessualmente trasmesse.
  • Inviare messaggi che contengono i seguenti attacchi se rivolti a un soggetto o a un gruppo di soggetti nella conversazione:
  • imprecazioni mirate;
  • frasi in cui si augura morte, malattie o disabilità gravi o lesioni fisiche.

Prendere di mira un altro privato o un personaggio pubblico minorenne con:

  • frasi in cui si augura morte, malattie o disabilità gravi.
  • dichiarazioni relative ad attività sessuali o malattie sessualmente trasmesse;
  • Pagine o gruppi creati per attaccare tramite:
  • imprecazioni mirate;
  • descrizioni fisiche di particolare gravità;
  • dichiarazioni su identità religiosa o blasfemia;
  • espressioni di disprezzo o disgusto;

 

Violazione della privacy e diritti di privacy sulle immagini

 

Ecco i contenuti da non pubblicare:

Contenuti che facilitano il furto di identità pubblicando o richiedendo informazioni personali, tra cui, a titolo esemplificativo e non esaustivo

  • Numeri di codice fiscale, numeri di previdenza sociale, numeri di passaporto o risultati di esami
  • Documenti di identità ufficiali
  • Documenti di un ente scolastico o formativo che presentano due delle seguenti caratteristiche: (1) nome, (2) foto o (3) numero del documento di identità.
  • Identità digitali, incluse le password

Contenuti che riportano dettagli medici/psicologici, biometrici o genetici o documenti di altre persone

Contenuti che facilitano il furto di identità condividendo informazioni personali tramite un link esterno

Contenuti che facilitano il furto di identità condividendo informazioni finanziarie private di un'organizzazione o azienda.

Contenuti che facilitano il furto di identità divulgando le seguenti informazioni personali finanziarie (su se stessi o su altri)

  • Informazioni sul conto bancario e/o sulla carta
  • Registri finanziari associati a informazioni sull'account

Contenuti che facilitano il furto di identità condividendo informazioni di contatto private di altri definite come

  • Numeri di telefono o indirizzi e-mail
  • Identità e-mail, di Messenger e chat
  • Le informazioni di cui sopra possono essere condivise per promuovere cause di beneficenza, servizi idonei o per agevolare il ritrovamento di persone o animali scomparsi

Ad eccezione di casi limitati che fanno notizia, contenuti dichiarati o confermati come provenienti da una fonte hackerata, indipendentemente dal fatto che la persona interessata sia un personaggio pubblico o un singolo

Contenuti che identificano le persone per nome e includono le loro informazioni personali, tra cui:

  • Patenti di guida, documenti di identità ufficiali diversi dalla patente, green card o permessi di soggiorno
  • Certificati di matrimonio, nascita e cambio di nome
  • Identità digitali, incluse le password
  • Targhe

Contenuti che includono fotografie che mostrano la parte esterna di residenze private se sono valide le seguenti condizioni:

  • La residenza è una casa unifamiliare o nell'immagine/nella didascalia è riportato il numero di appartamento.
  • Sono identificati il quartiere o la città.
  • Viene menzionato o raffigurato un residente.
  • Lo stesso residente vieta l'esposizione della sua residenza privata.

Contenuti che rivelano lo stato sotto copertura di personale preposto all'applicazione della legge se

  • Il contenuto include il nome completo dell'agente o altra identificazione esplicita e menziona in modo esplicito lo stato sotto copertura.
  • Il contenuto include immagini che identificano i volti del personale preposto all'applicazione della legge e menziona in modo esplicito lo stato sotto copertura.

Contenuti che espongono informazioni su rifugi condividendo una delle seguenti informazioni, a meno che il rifugio non stia attivamente promuovendo la sua posizione, le informazioni di contatto o il tipo di servizio e protezione che offre attraverso commenti, post, Pagine o gruppi:

  • Indirizzo effettivo del rifugio (è consentita solo la casella postale)
  • Immagini del rifugio
  • Città/quartiere del rifugio identificabili
  • Informazioni sui residenti all'interno del rifugio

Anche i contenuti seguenti potrebbero essere rimossi

  • Una foto o un video segnalato di persone in cui la persona nell'immagine è:
  • Un minore di tredici anni e il contenuto è stato segnalato dal minore, da un genitore o da un tutore legale
  • Un minore di età compresa tra tredici e diciotto anni e il contenuto è stato segnalato dal minore
  • Un adulto, se il contenuto è stato segnalato dall'adulto al di fuori degli Stati Uniti e la legge vigente prevede il diritto di rimozione
  • Qualsiasi persona incapace e non in grado di segnalare da sola il contenuto.

 

Contenuti deplorevoli

Incitamento all’odio

 

Ecco i contenuti da non pubblicare:

Attacchi di livello 1, rivolti a una persona o a un gruppo di persone che condividono una delle caratteristiche elencate sopra o lo status di immigrato (inclusi tutti i sottoinsiemi a eccezione di quelli che hanno commesso crimini violenti o sessuali), dove l'attacco viene definito come:

  • Qualsiasi discorso o supporto che incita alla violenza in forma scritta o visiva
  • Discorsi umilianti, come riferimenti o confronti con:
    • Insetti
    • Animali culturalmente percepiti come intellettualmente e fisicamente inferiori
    • Sporcizia, batteri, malattie e feci
    • Predatori sessuali
    • Individui subumani
    • Criminali violenti e sessuali
    • Altri criminali (compresi, a titolo esemplificativo e non esaustivo, "ladri", "rapinatori di banca" o affermazioni in cui si etichettano tutte le categorie protette o semiprotette come "criminali")
  • Derisione del concetto, degli eventi o delle vittime dei crimini di odio, anche se nell'immagine non è presente alcuna persona reale
  • Determinati confronti disumanizzanti in forma scritta o tramite immagini

Attacchi di livello 2, rivolti a una persona o a un gruppo di persone che condividono una delle caratteristiche elencate in precedenza, dove l'attacco viene definito come:

  • Dichiarazioni di inferiorità o immagini che implicano una carenza fisica, mentale o morale di una persona o di un gruppo di persone
    • Per carenze fisiche si intendono quelle relative a:
      • igiene (tra cui a titolo esemplificativo e non esaustivo, sudicio, sporco, maleodorante);
      • aspetto fisico (tra cui a titolo esemplificativo e non esaustivo, brutto, orribile).
    • Per carenze mentali si intendono quelle relative a:
      • capacità intellettive (tra cui a titolo esemplificativo e non esaustivo, stupido, imbecille, idiota);
      • istruzione (tra cui a titolo esemplificativo e non esaustivo, analfabeta, ignorante);
      • salute mentale (tra cui a titolo esemplificativo e non esaustivo, malato di mente, ritardato, pazzo, folle).
    • Per carenze morali si intendono quelle relative a:
      • tratti caratteriali percepiti negativamente a livello culturale (tra cui a titolo esemplificativo e non esaustivo, codardo, bugiardo, arrogante, ignorante);
      • termini dispregiativi correlati all'attività sessuale (tra cui a titolo esemplificativo e non esaustivo, puttana, troia, pervertito).
  • Altre dichiarazioni di inferiorità, definite come:
    • espressioni relative all'essere inadeguato (tra cui a titolo esemplificativo e non esaustivo, incapace, inutile);
    • espressioni relative alla superiorità/inferiorità di un'altra categoria protetta (tra cui a titolo esemplificativo e non esaustivo, "Credo che gli uomini siano superiori alle donne");
    • espressioni relative all'essere diversi dalla norma (tra cui a titolo esemplificativo e non esaustivo, mostro, anormale).
  • Espressioni di disprezzo o relativi elementi visivi equivalenti, definiti come:
    • ammissione di intolleranza basata su categorie protette (tra cui a titolo esemplificativo e non esaustivo, omofobo, islamofobo, razzista);
    • espressioni secondo cui non dovrebbe esistere una categoria protetta;
    • espressioni di odio (tra cui, a titolo esemplificativo e non esaustivo, disprezzo, odio);
  • espressioni di rifiuto (tra cui, a titolo esemplificativo e non esaustivo, non rispetto, non mi piace, non mi interessa di).
  • Espressioni di disgusto o relativi elementi visivi equivalenti, definiti come:
    • espressioni che suggeriscono che il bersaglio causi nausea (tra cui, a titolo esemplificativo e non esaustivo, vomito, rigetto);
    • espressioni di repulsione o disgusto (tra cui, a titolo esemplificativo e non esaustivo, spregevole, disgustoso, che schifo).
  • Imprecazioni nei confronti di una persona o di un gruppo di persone che appartengono alle stesse categorie protette, ad esempio:
    • che si rivolgono al bersaglio come genitali o ano (tra cui a titolo esemplificativo e non esaustivo, figa, cazzo, buco di culo);
    • termini o frasi volgari con l'intenzione di insultare (tra cui a titolo esemplificativo e non esaustivo, fottiti, puttana, figlio di puttana);
    • termini o frasi che augurano l'interazione in attività sessuali o il contatto con genitali o ano o feci o urina (tra cui a titolo esemplificativo e non esaustivo, succhiami il cazzo, baciami il culo, mangia merda).

Attacchi di livello 3, che hanno l'obiettivo di escludere o segregare una persona o un gruppo di persone in base alle caratteristiche elencate in precedenza, in cui l'esclusione è definita come:

  • Esclusione esplicita che comprende, a titolo esemplificativo e non esaustivo, "espellere" o "non consentire"
  • Esclusione politica definita come negazione del diritto di partecipazione politica
  • Esclusione economica intesa come negazione dell'accesso ai diritti economici e limitazione della partecipazione al mercato del lavoro
  • Esclusione sociale intesa come, a titolo esemplificativo e non esaustivo, negazione della possibilità di accedere a spazi (compresi quelli online) e servizi sociali

Permettiamo la critica delle leggi sull'immigrazione e le argomentazioni sulla loro limitazione.

Contenuti che descrivono o attaccano persone con insulti, dove gli insulti sono definiti come parole comunemente usate per insultare le persone per le caratteristiche elencate sopra

 

Contenuti violenti e immagini forti

 

Ecco i contenuti da non pubblicare:

Immagini di violenza ai danni di persone o animali reali con commenti o didascalie dell'autore del post o commenti sotto tali immagini contenenti:

  • Piacere per la sofferenza
  • Piacere per l'umiliazione
  • Eccitazione erotica verso la sofferenza
  • Commenti che parlano in modo positivo della violenza
  • Commenti che indicano che l'autore del post condivide quei contenuti solo per impressionare

Video di persone morenti, ferite o morte contenenti

  • Smembramento al di fuori di un contesto medico
  • Organi interni visibili, corpi parzialmente decomposti
  • Persone carbonizzate o che bruciano, a meno che non siano in un contesto di cremazione o auto-immolazione, quando questa azione è una forma di discorso politico o è rilevante
  • Vittime di cannibalismo
  • Taglio della gola

Video o foto che raffigurano abusi non sessuali su minori, ovvero:

  • Calci, percosse, schiaffi ripetuti o calpestamento da parte di un adulto o animale
  • Strangolamento o soffocamento da parte di un adulto o di un animale
  • Annegamento da parte di un adulto o di un animale
  • Morsi profondi da parte di un adulto o un animale
  • Avvelenamento da parte di un adulto
  • Reclusione forzata da parte di un adulto
  • Inflizione di bruciature o tagli da parte di un adulto
  • Fumo forzato
  • L'atto di lanciare, capovolgere o scuotere un bambino (troppo piccolo per stare in piedi) dai polsi, dalle caviglie, dalle braccia, dalle gambe o dal collo

Video e foto che mostrano la morte violenza di persone possono essere rimosse se viene richiesto da un familiare.

 

Immagini di nudo e atti sessuali di adulti

 

Ecco i contenuti da non pubblicare:

Immagini di

  • completamente nudi, dove il nudo è definito come
    • Genitali visibili tranne che nel contesto del parto e dei momenti successivi al parto o situazioni correlate alla salute (ad es. chirurgia di conferma del genere, autoanalisi per la prevenzione/diagnosi di cancro o malattie)
    • Ano visibile e/o fondoschiena completamente nudo tranne se ritoccato su un personaggio pubblico
    • Capezzoli femminili in vista, tranne che nel contesto di allattamento al seno, parto e momenti successivi al parto, situazioni correlate alla salute (ad es. in seguito a una mastectomia, sensibilizzazione sul cancro al seno o chirurgia di conferma del genere) o atto di protesta
  • Attività sessuale, tra cui
    • Rapporto sessuale
    • Rapporti sessuali espliciti, definiti come situazione in cui bocca o genitali entrano nei genitali o nell'ano di un'altra persona o li toccano, dove i genitali di almeno una persona sono scoperti
    • Rapporto sessuale implicito, definito come situazione in cui bocca o genitali entrano nei genitali o nell'ano di un'altra persona o li toccano, anche quando il contatto non è chiaramente visibile, tranne nei casi relativi a contesto di salute sessuale, pubblicità e immagini finte riconoscibili o con indicatori di finzione
    • Stimolazione implicita dei genitali/dell'ano, definita come stimolazione dei genitali/dell'ano o inserimento di oggetti nei genitali/nell'ano, anche quando l'attività non è chiaramente visibile, tranne nei casi relativi a salute sessuale, pubblicità e immagini finte riconoscibili o con indicatori di finzione
  • Altre attività sessuali, tra cui, a titolo esemplificativo e non esaustivo
    • Erezioni
    • Presenza di derivati di atti sessuali
    • Stimolazione di genitali o ano, anche se sopra o sotto i vestiti
    • Uso di sex toy, anche se sopra o sotto i vestiti
    • Stimolazione di capezzoli umani nudi
    • Pressione di un seno femminile, ad eccezione del contesto dell'allattamento
  • Contenuti fetish che riguardano
    • Atti che potrebbero causare la morte di una persona o di un animale
    • Smembramento
    • Cannibalismo
    • Feci, urine, saliva, muco, mestruazioni o vomito

Contenuti digitali che rientrano nella nostra definizione di atti sessuali, tranne nel caso in cui si verifichi una delle seguenti condizioni

  • Contenuti dove l'atto sessuale (rapporto sessuale o altri atti sessuali) non è direttamente visibile
  • Il contenuto è stato pubblicato a fini umoristici o satirici.
  • Il contenuto è stato pubblicato a fini educativi o scientifici.
  • Le immagini non sono sufficientemente dettagliate e sono visibili solo le forme o i contorni del corpo.

 

Adescamento

 

Ecco i contenuti da non pubblicare:

Tentativi di coordinamento o coinvolgimento in attività sessuali tra adulti come, a titolo esemplificativo ma non esaustivo:

  • Filmati contenenti atti sessuali
  • Attività pornografiche, spettacoli di spogliarello, prestazioni sessuali dal vivo, danze erotiche
  • Massaggi sessuali, erotici o tantrici

Adescamento sessuale esplicito che comprende, a titolo esemplificativo ma non esaustivo a quanto segue, l'offerta o la richiesta di:

  • Partner sessuali
  • Chat o conversazioni a sfondo sessuale
  • Immagini di nudo

Contenuti che rientrano in entrambi i seguenti criteri:

  • Criterio 1: offerta o richiesta
    • Contenuti che implicitamente o indirettamente* (di solito fornendo un metodo di contatto) offrono o richiedono quanto segue:
      • Immagini di nudo
      • Sesso o partner sessuali
      • Chat o conversazioni a sfondo sessuale
  • Criterio 2: elementi allusivi
    • Contenuti che presentano offerte o richieste di cui sopra mediante uno dei seguenti elementi allusivi a livello sessuale:
      • Emoji o righe di emoji specifici a livello di contesto o comunemente a sfondo sessuale
      • Espressioni gergali regionali a sfondo sessuale
      • Contenuti che menzionano o raffigurano suggerimenti di attività sessuale (ad es., ruoli sessuali, posizioni sessuali, situazioni fetish, stato di eccitazione, atti di rapporti o attività sessuali, come penetrazione sessuale o autoerotismo) o
      • Contenuti (arte disegnata a mano, digitale o reale) che raffigurano attività sessuale (esplicita o implicita)
      • Immagini di soggetti reali con nudo coperto da parti del corpo umano, oggetti oppure ostruzioni digitali, compresi scatti completi di natiche nude

I contenuti devono rientrare nel Criterio 1 (offerta o richiesta) e offrire o richiedere implicitamente o indirettamente un adescamento per poter essere considerati in violazione.

Ad esempio, i contenuti che presentano immagini disegnate a mano che raffigurano attività sessuale ma che non offrono o richiedono un adescamento, non sono in violazione.

Offerta o richiesta di attività per adulti come:

  • Pornografia commerciale
  • Immagini di nudo, a meno che non riguardino chiaramente modelli o modelle

Linguaggio sessualmente esplicito che descrive i dettagli oltre il semplice riferimento a:

  • Uno stato di eccitazione sessuale (lubrificazione vaginale o erezione)
  • Un atto di rapporto sessuale (penetrazione, masturbazione o feticismo)

 

Contenuti che esprimono crudeltà e insensibilità

 

Ecco i contenuti da non pubblicare:

Contenuti che raffigurano persone reali e ne deridono morte, che sia implicita o prematura, malattie o disabilità serie o fatali, contatti sessuali non consensuali, violenza domestica o lesioni fisiche gravi

 

Integrità e autenticità

Spam

 

Ecco i contenuti da non pubblicare:

Ci impegniamo al massimo per limitare la diffusione di spam commerciale per impedire pubblicità ingannevole, frode e violazioni della sicurezza che minano la capacità delle persone di condividere e connettersi. Non permettiamo alle persone di usare informazioni fuorvianti o non corrette per raccogliere "Mi piace", follower o condivisioni.

 

Rappresentazione fuorviante

 

Ecco i contenuti da non pubblicare:

L'autenticità è il pilastro della nostra community. Crediamo che le persone siano più responsabili delle loro dichiarazioni e azioni quando usano la propria identità autentica. Ecco perché chiediamo alle persone di connettersi a Facebook con il nome che usano nella vita di tutti i giorni. Le nostre normative sull'autenticità sono volte a creare un ambiente sicuro in cui le persone possano fidarsi e sentirsi reciprocamente responsabili.

 

Notizie false

 

Ecco i contenuti da non pubblicare:

La riduzione della diffusione delle notizie false su Facebook è una responsabilità molto importante per noi. Riconosciamo anche che si tratta di un tema complesso e delicato. Desideriamo aiutare le persone a rimanere informate senza ostacolare un produttivo dibattito pubblico. Quella tra notizie false e satira o opinioni è una linea sottile. Per questi motivi, non rimuoviamo le notizie false da Facebook, ma ne riduciamo la diffusione in modo significativo mostrandole più in basso nella sezione Notizie.

 

Account commemorativi

 

Ecco i contenuti da non pubblicare:

In caso di decesso di un utente, gli amici e la famiglia possono richiedere che il suo account venga reso commemorativo attraverso l'aggiunta di "In memoria di" sopra al nome nel profilo della persona. In questo modo, è chiaro che l'account è ora uno spazio commemorativo e viene protetto da tentativi di accesso e attività fraudolente. Non rimuoviamo, aggiorniamo o modifichiamo niente nel profilo o nell'account perché desideriamo rispettare le scelte fatte dalla persona mentre era ancora in vita. Abbiamo anche permesso alle persone di scegliere un contatto erede che si occupi del loro account dopo la morte. Le persone possono indicare in anticipo se desiderano che il loro account venga eliminato in modo permanente dopo la loro morte. Possiamo eliminare i profili quando un parente prossimo ci comunica che la persona defunta avrebbe preferito che l'account venisse eliminato anziché essere reso commemorativo. Consulta Hard Questions per ulteriori informazioni sulle nostre procedure e normative relative agli account commemorativi. Consulta anche Newsroom per scoprire i nostri strumenti di supporto più recenti per le persone che stanno vivendo queste difficili esperienze.

 

Rispetto della proprietà intellettuale

Proprietà intellettuale

 

Ecco i contenuti da non pubblicare:

Alla ricezione di un rapporto da un titolare dei diritti o da un rappresentante autorizzato, rimuoveremo o limiteremo il contenuto coinvolto in:

  • Violazione del diritto d'autore
  • Violazione di un marchio

 

Richieste relative ai contenuti

Richieste degli utenti

Rispettiamo:

  • Le richieste degli utenti per la rimozione del loro account.
  • Le richieste di rimozione dell'account di un utente deceduto da parte di un membro prossimo della famiglia o di un esecutore verificato.
  • Le richieste di rimozione dell'account di un utente invalido da parte di un rappresentante autorizzato.

 

Protezione dei minorenni aggiuntiva

Rispettiamo:

  • Le richieste degli utenti per la rimozione di un account di minori.
  • Le richieste provenienti da enti governativi per la rimozione di immagini di abusi su minori che rappresentano, ad esempio, percosse, strangolamento o soffocamento da parte di un adulto.
  • Richieste di rimozione di attacchi a minori accidentalmente famosi da parte di tutori legali.

 

Condividi su

Questo sito utilizza i cookie.

L’utente accetta? Per saperne di piu'

Approvo